Luisa 21.02.08, ore 21.54

Che ti devo dire.. se proprio non te la senti di parlare con me, fai quello che ritieni opportuno..

 

tipo andare a cagare

Lascia un commento

Archiviato in L'epistolario, Luisa

Paolo 21.02.08, ore 21.15

Forse è una fase, ma continuo a non riuscire a chiamarti. Nel mentre, l’aleggiarmi intorno della tua immagine mi amareggia, ma pure mi consola e mi fa compagnia.

 

(ecco svelato il segreto… Luisa è un ologramma che aleggia)

Lascia un commento

Archiviato in L'epistolario, Paolo

Paolo 21.02.08, ore 0.26

Avrei voluto chiamarti, ma a volte questo tuo assurdo darmi tutto senza darmi niente mi fa chiudere al punto che non ci riesco.

 

(WTF? riproviamo con Google Translate a vedere se c’è un significato nascosto: italiano ->inglese ->norvegese -> croato -> esperanto ->italiano

 

Volevo chiamarti, ma a volte mi darà tutto l’assurdo senza darmi qualcosa a cui penso al punto che non posso.

 

ecco, suona decisamente meglio)

Lascia un commento

Archiviato in L'epistolario, Paolo

Luisa 20.02.08, ore 23.33

Sono contenta per la candidatura! (così forse, con tutti gli impegni di un politico, smetti di scassare)

Lascia un commento

Archiviato in Dettagli insignificanti, L'epistolario, Luisa

Paolo 20.02.08, ore 22.22

Mi stupisce che, con questa chiusura da animali che hanno i politici nei miei confronti, (sai com’è… sparando cagate succede) si possa consentire una mia candidatura al Parlamento in una posizione di lista in cui sarei eletto, ma sembra proprio confermato. (oh my god, è la fine) Quanto a te, anche se a quanto pare non serve a niente, continuo per il momento ad A. (A? ahhhhh… Anal Sex!!!!)

Lascia un commento

Archiviato in L'epistolario, Paolo

Luisa 19.02.08, ore 23.04

Ciao Paolo, scusami se ti rispondo solo adesso: sono a casa di amici, (la solita balla) e ho letto solo ora il messaggio. Mi hai fatto ridere.. (sei proprio un buffone) Anch’io sono contenta di averti conosciuto.. Buonanotte, a domani.

Lascia un commento

Archiviato in L'epistolario, Luisa

Paolo 19.02.08, ore 20.39

Detto che vorrei averti sempre con me, temo di infastidirti se ti chiamo, (ma davvero? sei così discreto) di dispiacerti se non ti chiamo, e di indispettirti se dico a te di chiamarmi. (prova con un telegramma) E fu così che non vissero mai insieme felici né contenti..(guarda che le fiabe hanno sempre qualcosa che va storto) Scherzi a parte, mi piace moltissimo come sei e sono felice di averti incontrata. (maledetto il giorno che ti ho incontrato penserà Luisa)

Lascia un commento

Archiviato in L'epistolario, Paolo